tutti gli Articoli

Strage di Piazza della Loggia, 50 anni dopo

Il 28 maggio 1974, una bomba esplose durante una manifestazione antifascista in Piazza della Loggia a Brescia, uccidendo otto persone e ferendone oltre cento. L’attentato, parte degli anni di piombo, innescò complesse indagini caratterizzate da depistaggi e difficoltà nel trovare i responsabili. Le piste investigative principali riguardavano i gruppi...
Leggi

Strage dei Georgofili: l’attentato che dilaniò Firenze e l’Italia

La notte del 27 maggio del 1993 un’autobomba esplose in Via dei Georgofili a Firenze. L’impatto e l’onda d’urto furono fortissimi, tanto da distruggere la Torre delle Pulci. Le macerie fecero il resto, uccisero la custode dell’Accademia, Angelamaria Fiume in Nencioni, suo marito Fabrizio Nencioni e le loro figlie Nadia e Caterina. Divampate le fiamme...
Leggi

Banda della Uno bianca: fu terrorismo

37 anni fa, cominciava la parabola criminale della Banda della Uno bianca, conclusasi solamente nel 1994 dopo l’arresto dei componenti (tutti, tranne uno, poliziotti). 103 azioni, 102 feriti, 24 vittime. Oggi le indagini sono state riaperte a seguito della presentazione di un corposo esposto e si punta a capire se dietro l’azione del fratelli...
Leggi

Unabomber: il cerchio si stringe

Unabomber ha seminato il terrore nel nord-est tra il 1994 e il 1996 e poi dal 2000 al 2006. Adesso, grazie a nuove tecniche investigative, sembra che del dna sia stato estratto da alcuni reperti. Ancora massimo riserbo da parte degli inquirenti, ma si parla di una possibile svolta nelle indagini
Leggi

Stragi: ecco perché non ci serve una Commissione

Nell’immediato secondo dopoguerra in Italia ebbe inizio un nuovo assetto sociale fondato sulla tanto auspicata democrazia. Certo, dopo oltre vent’anni di fascismo qualsiasi modello, purché in qualche maniera rappresentativo, sarebbe stato accolto con immensa gioia. In buona sostanza, la liberazione dal fascismo e dalle ormai note crudeltà in esso...
Leggi

Delitto di via Poma: il mistero della morte di Simonetta Cesaroni

Il 7 agosto del 1990, in un appartamento del terzo piano dell’edificio di Via Poma 2 a Roma, si consumò un delitto ancora oggi irrisolto. Nel corso degli anni vi è stato un susseguirsi di piste investigative che però non hanno portato ad individuare il colpevole dell’omicidio dell’allora poco più che ventenne Simonetta Cesaroni.
Leggi

La scomparsa dimenticata di Stefania Bini

Nel 1984 l’eco della sparizione di Emanuela Orlandi e Mirella Gregori è fortissimo. A Roma si diffonde la leggenda metropolitana della “tratta delle bianche”. In questo contesto, un’altra quindicenne fa perdere le sue tracce. Si chiama Stefania Bini, scompare nel nulla al ritorno da scuola. Ma a differenza delle vicende Orlandi e...
Leggi

I vostri nemici saranno i monitor: la profezia della Falange armata

Tra il 1990 e il 1995 si verificarono una serie di attentati terroristici che hanno scosso l’Italia. Molti di questi vennero rivendicati dalla “Falange Armata”. Tanti ancora i lati bui di questa storia soprattutto perché il gruppo mutò forma e rivendicò una serie di attacchi informatici ad infrastrutture sensibili.
Leggi

Dossieraggi e macchina del fango: parla Cecilia Marogna

In un’intervista esclusiva divisa in tre parti, Cecilia Marogna, manager sarda definita Lady Vaticano, condannata in primo grado dal Tribunale Vaticano per truffa aggravata insieme al cardinale Giovanni Angelo Becciu, parla dell’attività di dossieraggio operata dal tenente della Guardia di Finanza Pasquale Striano, che la vede oggetto di...
Leggi

Il “dossier Mitrokhin” un caso di spionaggio rimasto irrisolto

Tra il 1995 e il 1999 l’intelligence britannica, MI6, inviò al Sismi, sotto il nome di Impedian, un dossier composto da 645 pagine e 261 schede riguardanti profili di centinaia di spie sovietiche di stanza in Occidente. In Italia prese il nome di “dossier Mitrokhin” dal nome dell’ex agente del KGB che consegnò il suo archivio all’MI6.
Leggi

Spia per caso: l’incredibile storia di un informatico

Nel 1995 un tecnico informatico del Gruppo Ambroveneto è chiamato “per la patria” a decodificare strane transazioni verso l’Italia. Una storia erede del crac del Banco Ambrosiano che fallì nel 1982 a seguito di uno dei più gravi dissesti bancari italiani nel XX secolo. Evento con il quale sono collegati tantissimi eventi, dall’uccisione di Roberto Calvi...
Leggi
,

Natale di Sangue. L’attentato al rapido 904

Il 23 dicembre del 1984 un ordigno dilania una carrozza del Rapido 904 che da Napoli era diretto verso Milano. Fu chiamata “La strage di Natale”. Cosa nostra, camorra ed estrema destra unite in un progetto terroristico dai contorni mai davvero chiariti, che sembra l’antesignano delle azioni rivendicate dalla Falange Armata.
Leggi