Cyber Spionaggio. Alla scoperta del modello cinese

Quando si parla di Cina bisogna pensare a un grande organismo nel quale più elementi concorrono alla cosiddetta “Suck Information”, vastissime operazioni di acquisizione di dati e informazioni.

Nell’ultimo decennio la Cina ha assorbito un altro principio: la consapevolezza che il mondo virtuale può rappresentare un formidabile ecosistema informativo per la conduzione di attività di spionaggio, controspionaggio, propaganda e condizionamento psicologico-comportamentale.

Ne abbiamo parlato con il Prof. Antonio Teti autore del libro “China Intelligence” edito da Rubbettino e il Prof. Alessandro Curioni esperto in Cyber Security.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *