Il caso David Rossi. Suicidio imperfetto di un manager

Il 6 marzo 2013, dopo aver avvisato la moglie che stava rientrando a casa, David Rossi, il capo della comunicazione della Banca Monte dei Paschi di Siena, viene trovato morto nel vicolo sotto la finestra del suo ufficio. Per i magistrati di Siena titolari del fascicolo, Nicola Marini e l’aggiunto Aldo Natalini, si tratta di un suicidio. Due anni dopo, grazie a una nuova inchiesta, cominciano a emergere con evidenza tutte le falle della prima indagine.

Il libro “Il caso David Rossi, il suicidio imperfetto” ricostruisce l’intera vicenda proprio attraverso le carte delle inchieste per scoprire che il suicidio, come ipotizzato dai magistrati, non è l’unico scenario plausibile. Ne abbiamo parlato con l’autore, Davide Vecchi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *