Il lodo Moro

Dalla ‘prigione del popolo’ dove era stato rinchiuso dalle Brigate rosse nel 1978, Aldo Moro chiedeva di trattare per la sua liberazione, svelando che questa era una prassi abituale per i terroristi palestinesi arrestati in Italia. Da allora, per «lodo Moro» si intende l’accordo che consentiva ai palestinesi di utilizzare il territorio italiano come base per armi e guerriglieri in cambio della garanzia di preservare la penisola dagli attentati.

Abbiamo approfondito la questione del lodo Moro insieme a Valentine Lomellini, autrice del libro “Il «lodo Moro» Terrorismo e ragion di Stato 1969-1986” edito da Laterza, al giornalista Paolo Morando e al ricercatore Giacomo Pacini.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *