La questione francese: Mitterrand, Craxi e i terroristi rifugiati

Sulla base della “dottrina Mitterrand”, a partire dagli anni ’80 la Francia ha concesso asilo politico ad ex terroristi della sinistra radicale. Artefice di tale dottrina fu l’ex presidente socialista François Mitterrand sulla base di un principio mai ufficializzato ma espresso solo verbalmente in occasione del 65mo congresso della Lega dei diritti umani. “I rifugiati italiani che hanno partecipato all’azione terroristica prima del 1981 hanno chiuso con la macchina infernale nella quale si erano impegnati e hanno dato il via ad una seconda fase della propria vita, si sono inseriti nella società francese. Ho detto al governo italiano che sono al riparo da ogni sanzione”.

Abbiamo parlato della cosiddetta “questione francese” con Alessandro Giacone, professore dell’università di Bologna e autore del libro “I socialisti italiani e francesi (1971-1994)”, e l’avvocato Valter Biscotti, legale dei familiari di Michele Granato, l’agente di polizia ucciso dalle Brigate Rosse il 9 novembre del 1979 a Roma.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *