La scomparsa di Adinolfi

Roma, 2 luglio 1994. Il giudice Paolo Adinolfi esce di casa per recarsi al lavoro. Da appena un mese ha chiesto e ottenuto il trasferimento alla IV Sezione Civile della Corte d’Appello. L’ha chiesto dopo dieci anni passati alla Sezione Fallimentare, dove si è occupato di alcuni casi decisamente scottanti: dagli affari della Banda della Magliana alle sentenze aggiustate per compiacere il potere politico e criminale. La moglie e i figli lo attendono per pranzo, ma lui non arriverà mai. Da quel giorno di Paolo Adinolfi si perdono per sempre le tracce

Presentazione in anteprima del libro “La scomparsa di Adinolfi” edito da Castelvecchi. Insieme a Raffaele Guadagno e Alvaro Fiorucci, autori del libro, e al magistrato Alessandro Cannevale e Lorenzo Adinolfi, figlio del giudice scomparso, abbiamo ricostruito l’incredibile storia di Paolo Adinolfi cercando di infrangere quel velo che il tempo ha steso sopra la vicenda.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *