Strage di Erba, il caso si riapre?

L’11 dicembre 2006 il Comune di Erba, in provincia di Como, è stato il teatro di uno dei più efferati omicidi plurimi della storia recente italiana, la cosiddetta “Strage di Erba”, in cui vennero uccisi la giovane mamma Raffaella Castagna, il figlio Youssef di soli 2 anni, la nonna del piccolo, Paola Galli, e la vicina di casa Valeria Cherubini.

Per quanto accaduto sono stati condannati in via definitiva all’ergastolo (dopo tre gradi di giudizio) i coniugi Olindo Romano e Rosa Bazzi. Ora, la difesa di Romano e Bazzi vuole riaprire il caso e dimostrare la loro innocenza. Insieme all’avvocato Fabio Schembri (storico difensore di Olindo Romano e Rosa Bazzi) e al giornalista nonché autore di due libri inchiesta sulla Strage di Erba Eduardo Montolli, abbiamo cercato di capire quali sono gli elementi in mano alla difesa e come potrebbe evolvere la vicenda!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *